• Media Statistics
    This Week Total
    24 7947
    1 521
    0 30
    0 13
    0 24
  • My Details
    djnazcul - Profile Image
    Username: djnazcul
    Age: 52
    Gender: Male
    Location: cagliari, Italy
    Date Joined: 2/25/2011 12:08:15 AM +00:00
  • djohm

  • djohm

  • djohm

  • neon light

  • tot

    La musica è una unione di ritmo e note. Il ritmo è un concetto difficile da spiegare, forse perché non ce n’è bisogno. Ognuno vive tutta la vita insieme a un metronomo instancabile: il cuore. Ecco perché il ritmo non ha bisogno di spiegazioni, perché è dentro di noi da sempre, da prima ancora di nascere. E non è solo nel cuore: il nostro respiro è ritmo, i nostri passi sono ritmo. Senza di esso noi non saremmo: noi siamo ritmo. Una nota non è un suono come tutti gli altri. Non è come una porta che sbatte, una folata di vento o un vetro che si rompe, tutti rumori confusi: una nota è un’onda, una vibrazione a una precisa frequenza. E allora forse il cerchio inizia a chiudersi, se come dice la scienza i più piccoli mattoni di cui è fatto tutto ciò che abbiamo intorno sono particelle, ma anche onde. Ogni atomo che ci circonda è un insieme di tante vibrazioni, di tante onde, ognuna con una sua frequenza e una sua ampiezza: proprio come la vibrazione di una nota. E se tutto ha una sua vibrazione, vuol dire che tutto suona una sua musica; se tutto è un insieme di vibrazioni, tutto è musica. E lo siamo anche noi, fatti delle stesse particelle di ogni altra cosa, così come ogni canzone è fatta sempre con le sette note. Siamo ritmo e note: noi stessi siamo musica.Ora, secondo me ci sono persone dotate di una sensibilità molto sviluppata, la cui musica in certe occasioni riesce a entrare in risonanza con le vibrazioni intorno a noi che molti non sono abbastanza ricettivi per accogliere. Sono attimi: quante volte capita di scrivere una canzone così, in pochi minuti. E tutto spesso parte da un’immagine, un suono, una sensazione, e trova una via per manifestarsi che non ci aspetteremmo mai. Ecco da dove arriva la musica: anni di studi curvi su libri, o sulla tastiera di un pianoforte, non riescono ad abbracciare tutta la magia nel lampo di una composizione. Sembra incredibile, come che una palla possa attraversare un muro. Ma può accadere: io dico che la musica c’è già. In un lago di montagna, nel divano di casa, o nel sottopasso di una metropolitana, tutto sta nel riuscire ad accoglierla. Anche adesso che sto scrivendo, nel mondo qualche vibrazione verrà captata da qualche persona che la focalizzerà attraverso la sua lente, dandole forma e nitidezza. Un lavoro da cantautori, verrebbe da dire. 

  • next
  • me
    djnazcul - Profile Image
    Username: djnazcul
    Real Name: maurizio
    Age: 52
    Gender: Male
    Location: cagliari, Italy
    Date Joined: 2/25/2011 12:08:15 AM +00:00
  • un minestrone di musica

    "Le quattro candele"

     

    Le quattro candele, bruciando, si consumavano lentamente.
    Il luogo era talmente silenzioso,
    che si poteva ascoltare la loro conversazione.

    La prima diceva:
    "IO SONO LA PACE,
    ma gli uomini non mi vogliono:
    penso proprio che non mi resti altro da fare
    che spegnermi!"
    Così fu e, a poco a poco, la candela si lasciò spegnere completamente.

    La seconda disse:
    "IO SONO LA FEDE
    purtroppo non servo a nulla.
    Gli uomini non ne vogliono sapere di me,
    non ha senso che io resti accesa".
    Appena ebbe terminato di parlare, una leggera brezza soffiò su di lei e la spense.

    Triste triste, la terza candela a sua volta disse:
    "IO SONO L'AMORE
    non ho la forza per continuare a rimanere accesa.
    Gli uomini non mi considerano
    E non comprendono la mia importanza.
    Troppe volte preferiscono odiare!"
    E senza attendere oltre, la candela si lasciò spegnere.

    ...Un bimbo in quel momento entrò nella stanza
    e vide le tre candele spente.
    "Ma cosa fate! Voi dovete rimanere accese,
    io ho paura del buio!"
    E così dicendo scoppiò in lacrime.

    Allora la quarta candela, impietositasi disse:
    "Non temere, non piangere:
    finchè io sarò accesa, potremo sempre 
    riaccendere le altre tre candele:
    IO SONO LA SPERANZA"

    Con gli occhi lucidi e gonfi di lacrime,
    il bimbo prese la candela della speranza e riaccese tutte le altre.

    CHE NON SI SPENGA MAI LA SPERANZA
    DENTRO IL NOSTRO CUORE...

    ...e che ciascuno di noi possa essere
    lo strumento, come quel bimbo,
    capace in ogni momento di riaccendere
    con la sua Speranza,
    la FEDE, la PACE e l'AMORE
    .